Rogito di acquisto immobile:

Rogito di acquisto immobile:

Chi sceglie di vendere casa nel 2019 o qualsiasi altro immobile deve innanzitutto rendere disponibile il rogito notarile di acquisto della casa da vendere.

Questo documento è essenziale per la vendita perché indica chi è il vero proprietario reale della casa e dell’immobile o terreno da mettere in vendita. Il rogito di acquisto immobile chiamato anche atto di compravendita è un documento redatto dal notaio che ha come oggetto il trasferimento della proprietà di un immobile da chi vende a chi acquista casa.

 

Come dicevamo, il rogito, o compravendita viene stipulato davanti al notaio in quanto è un atto pubblico e formale che va redatto davanti ad un pubblico ufficiale che garantisca l’identità delle parti, la veridicità delle cose dichiarate e la validità dello stesso atto.

In fase di stipula del rogito, il notaio ha anche il compito di registrare e far versare i tributi sul trasferimento di proprietà e di trascrivere l’atto nei registri immobiliari perché sia valido anche per terze persone.

 

Nell’atto di compravendita, o rogito vanno riportati i seguenti dati: valore di cessione dell’immobile, modalità di pagamento (assegno, bonifico, ecc, in caso di mediazione tutti i dati identificativi del mediatore e le spese sostenute per detta attività, con le analitiche modalità di pagamento della stessa. In caso di assenza dell’iscrizione al ruolo di agenti di affari in mediazione, il notaio, inoltre, è obbligato ad effettuare apposita segnalazione all’Agenzia delle Entrate.

 

Cosa fare se il rogito di acquisto è stato perso o non si trova? Se l’atto di compravendita dell’immobile è stato smarrito, è necessario richiederne una copia al notaio che ha registrato e redatto il rogito.

Perché senza rogito di acquisto è impossibile vendere la casa o qualsiasi altro tipo di immobile, visto che l’atto di compravendita è essenziale ai fini della vendita.

Se però il notaio che ha redatto tanti anni fa il rogito, ha cessato la propria attività o se non ci si ricorda il nome o lo studio che ha seguito la pratica, può essere richiesta la copia del rogito presso l’archivio notarile del distretto ove il notaio operava all’epoca della stipula.

 

La copia di un atto depositato presso un archivio notarile può essere richiesta: recandosi presso la sede dell’archivio, per posta ordinaria, a mezzo fax o per via telematica. Se però non si dispone di alcun dato dell’atto registrato nell’archivio notarile, occorre effettuare un bonifico bancario o postale di 6,00 euro per poter effettuare la ricerca dell’atto.

Lascia un commento